CONTRASSEGNO INVALIDI

Scheda:

NUOVO CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER DISABILI

Le persone invalide possono ottenere il contrassegno di parcheggio per disabili presentando domanda al Comune allegando la certificazione medica -rilasciata dalla ASL- che attesta la disabilità comportante ridotte capacità motorie; Dal 15/9/2012 viene rilasciato un contrassegno uniforme a livello europeo, denominato "contrassegno di parcheggio per disabili", di colore azzurro. Sul retro vi e` la fotografia dell`intestatario e tutti i suoi dati. Il passaggio al nuovo contrassegno dovra` essere completato in tre anni ed in questo periodo i comuni devono garantire la sostituzione del vecchio contrassegno (che continua ad essere valido) con il nuovo. Sempre entro tre anni i comuni dovranno adeguare alle nuove norme europee anche la segnaletica stradale. Il nuovo contrassegno, come il precedente, e` personale, non vincolato ad uno specifico veicolo, vale 5 anni.Il nuovo contrassegno è valido, oltre che su tutto il territorio nazionale, anche negli altri paesi comunitari perché è conforme al "contrassegno unificato disabili europeo" (CUDE) previsto dalla Raccomandazione del Consiglio dell'Unione europea 98/376/CE.

Alla scadenza puo`essere rinnovato sulla base di documentazione medica che attesti la persistenza dello stato di invalidità`. Nel caso di invalidità temporanea  il contrassegno può avere una durata inferiore e può essere prorogato solo con nuove attestazioni mediche. Deve essere esposto nella parte anteriore del veicolo, ben visibile.

ALTRE AGEVOLAZIONI Ricordiamo che le persone disabili munite di contrassegno possono anche: - circolare e sostare nelle zone a traffico limitato e nelle aree pedonali, se per queste aree e` autorizzato l`accesso almeno ad una categoria di veicoli per l`espletamento dei servizi di trasporto di pubblica utilita; qualora tali aree fossero soggette a controllo con apparati elettronici (telecamere), occorre che il totale del permesso comunichi al Comune le targhe dei veicoli utilizzati per il transito. - circolare nelle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici o ai taxi; E` bene informarsi riguardo alla modalita` di gestione dell`accesso nelle aree ztl o di passaggio nelle corsie preferenziali. A volte potrebbe bastare l`esposizione del contrassegno ma in caso di varchi elettronici, per esempio, potrebbe essere necessario comunicare  preventivamente la targa del veicolo ai vigili.

Il contrassegno NON CONSENTE la deroga ai divieti di sosta previsti negli articoli 157,158 e di altre disposizioni del Codice della Strada in cui sia prevista la rimozione o il blocco dei veicoli e in casi in cui il veicolo rechi grave intralcio alla circolazione, ad esempio:

  • sosta su passaggio pedonale o attraversamento pedonale;
  • sosta in corrispondenza di dosso o curva;
  • sosta allo sbocco dei passi carrabili;
  • sosta in seconda fila o davanti ai cassonetti per i rifiuti urbani;
  • RIFERIMENTI NORMATIVI - D.lgs.285/1992 "Codice della Strada", art.188 - Dpr 495/1992 "Regolamento di esecuzione e attuazione del Nuovo codice della strada", Art. 381 modificato dal  Dpr 151/2012 emesso a seguito della raccomandazione del Consiglio dell`Unione europea n. 98/376/CE del 4/6/1998. - Dpr 503/1996 "Regolamento recante norme per l`eliminazione delle barriere architettoniche degli edifici, spazi e servizi pubblici", art.10/11/12

Ufficio di competenza:SERVIZIO POLIZIA LOCALE
Allegati: MODULO DI RICHIESTA CONTRASSEGNO INVALIDI